+393891810690 - Per qualunque informazione, contattaci su Whatsapp
Spedizione a domicilio gratuita con solo 49 euro di spesa.
Melanzane, carote, zucchine, peperoni, fagiolini e cipolline scottate con l’aceto e insaporite con Olio Extravergine di Oliva italiano per un patè di verdure freschissime e profumate: la Bruschetta Ortolana Oltresole. Cremosa e invitante, con i colori della natura pronti per essere spalmati e gustati come sfizioso break.
5,90 €

Ultima recensione

Ottimo prodotto. Stuzzichevole e gradito per bruschette o anche da degustare da solo.
Ci vorrebbero barattoli da 500 grammi o addirittura da un Kg., perchè gli ingredienti sono troppo buoni e stuzzicano l'appetito.
Leggi tutte le recensioni su feedaty
Valori nutrizionali su 100g
Valore energetico: 208 kcal – 865 Kj
Carboidrati: 2,9 g di cui zuccheri 2,80 g
Grassi: 21 g di cui saturi 2,9 g
Proteine: 1,30 g
Sale: 1,40 g

Da spalmare su crostoni, pane casereccio scottato o crepes salate per aperitivi vegetariani e leggeri. Perfetto accompagnamento per bolliti o secondi di pesce.

Le verdure contenute all'interno di questa conserva sono: la zucchina, grazie all’elevata presenza di potassio, aiutano a regolare la quantità di acqua nell’organismo. Essendo povere di calorie sono alla base delle diete dimagranti; e melanzane, hanno un basso contenuto di lipidi e calorie e sono perfette per chi segue diete o è attento alla linea. Sono ricche di vitamine del gruppo B, vitamina C, acido folico, potassio, fosforo, sodio e calcio. L'acido clorogenico e la nasunina, molecole attive contro i radicali liberi, che possono aiutare a combattere i segni dell’invecchiamento; il peperone, grazie alla presenza diidro capsiato aiuta a mantenere il peso corporeo e solge un'azione diuretica.

La bruschetta è una ricetta contadina, nata dalla necessità di conservare il pane e deriva etimologicamente dall’aggettivo romanesco “brusco”, abbrustolito. Buttare il pane era ovviamente un sacrilegio e quindi venivano abbrustolite fette insaporite con olio, sale e strofinato con l’aglio. L’olio, dovrebbe essere stato usato nella bruschetta per la prima volta dagli Etruschi che lo ricavavano dalla spremitura delle olive del centro Italia. Nel tempo poi, si sono aggiunte creative varianti. Vediamo come vengono abbinate nelle varie regioni: nella cucina napoletana la bruschetta viene consumata da secoli grazie alla produzione di pomodori della Campania, nacque infatti come pausa per gli agricoltori che mangiavano pane abbrustolito con i pomodori appena raccolti. Il nome deriva qui probabilmente da “brusca”, la spazzola per pulire i cavalli e buoi dal pelo morto" che richiama la forma e la ruvidezza della sua superficie. In Toscana viene invece chiamata “fettunta” o “panunto”, sul pane croccante si strofina aglio e si aggiunge olio, sale e pepe e poi viene insaporito con carne e salsiccia, anche qui nasce come spuntino dei lavoratori nei campi. In Piemonte esiste la “soma d’aj”, che prende il nome della “soma”, il cibo dei vendemmiatori che veniva accompagnato da un grappolo d’uva, dolcetto o moscato. Le fette di pane erano chiuse come in un panino con fette di pomodoro, olio e sale.

Iscriviti subito alla nostra newsletter per ricevere uno sconto del 20% sul tuo primo acquisto!